Home Ceramica Infrastrutture per la crescita: il Convegno economico ha aperto Cersaie 2015

Infrastrutture per la crescita: il Convegno economico ha aperto Cersaie 2015

Cersaie 2015_ConvegnoEconomicoLa trentatreesima edizione di Cersaie ha ufficialmente aperto i battenti. Dopo il taglio del nastro, il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio, il Presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi e il presidente di Confindustria Ceramica Vittorio Borelli, si sono diretti all’Europauditorium per l’incontro dal titolo ‘Infrastrutture per la crescita’ moderato dalla giornalista di Rai News 24 Giuliana Palmiotta. “A Cersaie c’è l’eccellenza dell’Italia che funziona”, ha affermato il  Presidente di BolognaFiere Duccio Campagnoli, nell’introduzione, dopo aver ribadito come Cersaie sia “La più grande e importante fiera del mondo, dopo il successo clamoroso di Expo”.

A seguire, gli interventi degli ospiti: “In questo clima di fiducia, vero ostacolo allo sviluppo è l’eccessiva burocrazia – sottolinea il presidente Borelli -. La Riforma della pubblica amministrazione doni all’Italia una situazione adatta a un Paese moderno”. E ancora pressione fiscale, Imu (specialmente sugli imbullonati: “Nessun bene produttivo dovrebbe essere tassato”, dichiara ancora Vittorio Borelli) e importanza del ‘Made in Italy’, cioè della qualità ed eccellenza della ceramica e dei prodotti nostrani in generale, i temi caldi del dibattito. Dove non è mancato neppure un riferimento all’annosa questione della bretella Campogalliano-Sassuolo: “Siamo arrivati alla fine – promette il governatore Bonaccini -. Se non apriremo i cantieri entro questa legislatura, sarà per noi un enorme fallimento”. “Si tratta di una battaglia per la modernizzazione – gli fa eco il presidente Squinzi -. La bretella non prosegue per complicazioni normative-burocratiche: bisogna semplificarle, sarebbe la madre di tutte le riforme”. Infine, il Ministro Delrio ha specificato: “Sulla bretella, di concerto con la Commissione europea, abbiamo individuato la soluzione dell’in house, che potrebbe entro fine anno completare tutti gli itinera in corso”. Ha poi proseguito: “L’Italia ha enormi potenzialità, con tanti imprenditori che hanno voglia di raccogliere le sfide del futuro. Compito della politica è metterli nelle condizioni migliori per fare il proprio lavoro”. E le parole chiave di questo procedimento sono credibilità, fiducia e sistema, ma anche legalità: “Ascoltiamo le imprese per dare la priorità a quelle infrastrutture, ma anche a quei provvedimenti in generale, che semplifichino la vita dei cittadini”, conclude Delrio.