Home Ceramica Cer, il giornale della Ceramica 344: Country Report Australia, formazione e real...

Cer, il giornale della Ceramica 344: Country Report Australia, formazione e real estate

Spedito ad un vasto indirizzario di operatori, Cer il giornale della Ceramica n. 344 è già sfogliabile sul sito www.confindustriaceramica.it e liberamente scaricabile all’applicazione per iPad (Ceramica). Nucleo centrale di questo numero è il Country Report sull’Australia: un’area tematica, composta da otto pagine di articoli, interviste e statistiche, dedicata a questo mercato della ceramica e dell’edilizia. Il numero comprende un’intervista a Massimo Moretti, fondatore di Progetto WASP, che racconta la sua ispirazione delle stampanti 3D nata osservando la “vespa vasaia”; l’analisi del mercato delle costruzioni negli Stati Uniti e un articolo sul portfolio del lavoratore ceramico. Cer 344 si completa con la Galleria “Pressatura e colaggio; Essicamento, cottura e risparmio energetico”.

Il Rapporto Paese si apre con l’intervista a Richard Bowman dell’Australian Tile Council che lamenta come l’eccesso di competizione abbassi i prezzi e con essa la qualità del servizio offerto al mercato. Una positiva azione a supporto svolta dall’Associazione sono i corsi a favore dei posatori per migliorare l’efficacia nella posa e con essa il risultato finale per il consumatore.
Il Report analizza poi la dinamicità del mercato australiano di piastrelle di ceramica, il cui consumo di oltre 40 milioni di metri quadrati annui, cresce del 4%, ad appannaggio quasi totolamente delle importazioni, se si pensa che la produzioone locale copre solo il 10% del consumo domestico. L’Italia, grazie ad un prodotto di qualità, copre ora il 16% del mercato, occupando la seconda posizione dopo la Cina che ha una quota del 50%.
Secondo Sam Giunta, distributore in Australia con tre punti vendita in altrettanti Stati del Paese, il valore della ceramica italiana è data dal design e dall’innovazione, ma anche dalla capacità di dettare la moda e le tendenze. Dopo un periodo di appiattimento – rileva Sam Giunta – la ceramica italiana ha oggi riscoperto un ruolo trainante grazie a prodotti fortemente caratterizzati.
Chiudono il Country Report le riflessioni dell’architetto Stephan Varady, che rileva l’importanza di scegliere materiali idonei agli specifici progetti, condizione a cui la ceramica si sa prestare al meglio. Particolarmente utile nella realizzazione di un buon progetto è il confronto tra le diverse parti, siano queste il committente, l’architetto o l’impresa di costruzione, dal cui dialogo nasce sempre la soluzione migliore: la versatilità della ceramica è elemento in grado di fare sintesi.

L’Intervista è a Massimo Moretti, fondatore dell’azienda Progetto WASP per la realizzazione di stampanti in 3D sempre più performanti. Il sogno – confida Moretti – è quello di costruire una casa green per le popolazioni del terzo mondo, a costo tendente allo zero, ispirandosi al modo di operare della “vespa vasaia”. In quanto modello da imitare, l’azienda ha pensato di costruire un sistema robotizzato alto almeno 15 metri, necessario per realizzare singole piccole abitazioni ed intese come unità di emergenza. Oggi il Progetto WASP realizza stampanti di piccole dimensioni, riproduzioni in scala della stampante “grande”, che funzionano con polimeri plastici, finanziando così il proprio sogno.

Nella sezione Real estate viene raccontata la situazione del mercato delle costruzioni in USA, sia per quanto riguarda l’edilizia privata che pubblica, residenziale e non residenziale. Da un’indagine condotta dal Joint Center for Housing Studies di Harvard emerge come nel corso dell’ultimo trimestre del 2013 la spesa di ristrutturazione della casa calcolata su base annua abbia raggiunto i 140 miliardi di dollari.
La sezione CerFormazione annuncia la nascita del portfolio del lavoratore ceramico, un supporto informatico per gestire la formazione continua dei dipendenti.