Home Nazionale Costruzioni: Confartigianato, persi 122mila addetti nel 2012, -6,7%

Costruzioni: Confartigianato, persi 122mila addetti nel 2012, -6,7%

(Adnkronos) – Nell’ultimo anno il settore delle costruzioni ha perso 122.000 addetti, pari ad un calo del 6,7%. Saldo negativo anche per le imprese: il 2012 si e’ chiuso con la perdita di 61.844 aziende, pari ad una diminuzione dell’1,88%. Non e’ andata meglio per le imprese artigiane, che rappresentano la fetta piu’ consistente delle costruzioni: 571.336 aziende, vale a dire il 63,9% del totale. Nel 2012 hanno chiuso 54.832 costruttori artigiani, con un calo dell’1,96%. E’ un quadro dalle tinte fosche quello presentato oggi all’Assemblea di Anaepa Confartigianato, l’Associazione dei costruttori aderenti alla Confederazione, che ha rieletto Arnaldo Redaelli alla Presidenza per i prossimi 4 anni. E proprio il Presidente Redaelli ha sottolineato la gravita’ della situazione del settore delle costruzioni ”che – ha detto – negli ultimi 6 anni si e’ avvitato in una spirale negativa entrando, come il resto dell’economia, nella piu’ dura recessione mai vista dal dopoguerra. Dal 2008 gli investimenti sono diminuiti del 40%, portando l’attivita’ produttiva ai livelli di 40 anni fa”. Dall’inizio della crisi, le costruzioni hanno perso circa 360mila posti di lavoro, che raggiungono i 550.000 considerando anche i settori collegati. “La situazione – ha messo in guardia Redaelli – rischia di peggiorare ulteriormente se non si metteranno subito in campo azioni dirette ad arrestare il declino. Il tempo e’ scaduto: il comparto da solo non puo’ piu’ resistere. Servono interventi urgenti da attuare subito, nell’ambito di una nuova politica economica che rimetta in moto il settore delle costruzioni”.