Home Economia Reggio Emilia finalista al ‘Cities Challenge Italy 2018′. E’ possibile sostenere la...

Reggio Emilia finalista al ‘Cities Challenge Italy 2018′. E’ possibile sostenere la candidatura votando online fino al 20 marzo

Anche quest’anno Reggio Emilia è tra le città italiane finaliste del concorso “Cities Challenge Italy”, la competizione che premia l’imprenditorialità delle città di medie dimensioni e il loro ecosistema imprenditoriale. In gara anche Cuneo, Vicenza, Crotone, Pesaro, Padova, Sesto San Giovanni, Monza e Cagliari (vincitrice dell’edizione 2017). Fino al 20 marzo è possibile votare sul sito www.citieschallenge.eu e sostenere la candidatura della propria città.

La città vincitrice avrà la possibilità di intervenire al GEC Global Entrepreneurship Congress 2018 a Istanbul (il congresso globale sull’imprenditorialità che raccoglie migliaia di imprenditori, investitori, ricercatori, responsabili politici e startupper da più di 170 paesi), nonché di ospitare incontri di approfondimento su temi strategici per la città dedicati a cittadini, studenti e imprenditori, e di promuovere il proprio ecosistema urbano e imprenditoriale su magazine online e social media specializzati sui temi dell’imprenditorialità e dell’innovazione. Obiettivo del concorso – organizzato da Meta Group – è infatti quello di sostenere e promuovere il sistema imprenditoriale locale e stimolare la creazione e l’attuazione di azioni capaci di creare nuovo valore per la città.

Tra gli elementi che hanno permesso a Reggio di posizionarsi ai vertici della classifica italiana in quanto a imprenditorialità, vi sono la forte vocazione all’export (11° posto nella classifica nazionale delle province italiane maggiormente esportatrici grazie a un volume delle esportazioni che nel 2016 ha raggiunto i 9,5 miliardi con variazione del +2,7% rispetto al 2015), la diffusione di imprese giovanili (che incidono per l’8,8% sul totale delle aziende presenti nel nostro territorio) e start-up innovative (91 di cui 27 iscritte nel solo 2016), le azioni di investimento, ricerca e di riqualificazione del sistema produttivo realizzate congiuntamente da settore pubblico e privato con progetti come il Parco Innovazione alle ex Reggiane e la rigenerazione del Parco Industriale di Mancasale.

Ha inoltre concorso al buon piazzamento di Reggio la presenza sul territorio di eccellenze con cui i diversi sistemi formativi del territorio sostengono l’innovazione e creano le premesse perché essa si possa sviluppare al meglio: il polo universitario dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia (oltre 300 accordi di scambio e programmi di cooperazione internazionali), la diffusione dell’imprenditorialità attraverso percorsi di alternanza scuola-lavoro (+3% rispetto al dato nazionale) e un sistema di educazione prescolare all’avanguardia in Italia (40,3% di scolarizzazione dei bambini tra zero e tre anni).