Home Economia Tradizione e innovazione al Mercato Albinelli: due bandi per sette spazi

Tradizione e innovazione al Mercato Albinelli: due bandi per sette spazi

Sono sette gli spazi all’interno dello storico mercato coperto Albinelli che saranno messi a disposizione con due bandi, a inizio 2018, dal Comune di Modena, in accordo e collaborazione con il Consorzio che gestisce lo spazio commerciale nel cuore del centro storico, e d’intesa con le associazioni di categoria. Le linee guida sono state approvate nei giorni scorsi dalla Giunta comunale.

Due spazi, assegnati con un bando specifico, saranno riservati ad attività che si inseriscono tra quelle definite “attività commerciali integrative dell’offerta del mercato”, quelle cioè che consentono il consumo sul posto e le aperture serali, che sono attualmente già tre, e stanno connotando il Mercato sempre più come luogo non solo di acquisto ma anche di socialità e degustazione di prodotti di qualità.

Cinque spazi, invece, saranno assegnati con altro bando ad attività di commercio su aree pubbliche. A parità di anzianità di iscrizione al registro imprese, si considereranno punteggi stabiliti in base a qualità dell’offerta e servizi forniti. Nel primo caso, ad esempio, vendita di prodotti di qualità come prodotti biologici, a km zero, tipici locali e del Made in Italy, prodotti della tradizione garantendo al consumatore ampia possibilità di scelta anche con organizzazione di degustazioni; nel secondo, verrà attribuito punteggio ad esempio con l’impegno a fornire servizi come la consegna della spesa a domicilio, la vendita informatizzata o on-line, la disponibilità a turni di orari alternativi e/o supplementari.

“Innovazione e tradizione – commenta l’assessora alle Attività economiche Ludovica Carla Ferrari – sono due concetti che si completano al Mercato Albinelli, a Modena e nel territorio, cuore dell’enogastronomia italiana. Ed è proprio dalla volontà di introdurre modelli nuovi di proposta dei sapori della tradizione che nasce la volontà, per raggiungere nuovi pubblici, di sperimentare le aperture del weekend, dedicate all’acquisto dei prodotti ma anche al consumo sul posto, selezionando operatori capaci di interpretare la tradizione in chiave innovativa. Per questo, accanto all’ingresso di nuovi esercenti, professionisti del gusto – prosegue Ferrari – auspichiamo che anche brand e produttori locali guardino a una loro presenza al Mercato Albinelli come a un’opportunità per insediare attività di vendita e consumo in una vetrina eccellente per l’agroalimentare e l’enogastronomia, proseguendo nell’azione di apertura strategica e di comunicazione a modenesi e turisti, per una valorizzazione reciproca della città e delle sue eccellenze che può estendersi ad altri spazi del centro storico”.

Entrambi i bandi saranno pubblicati online (www.comune.modena.it/economia), e sul sito ci saranno tutte le informazioni, le regole, i moduli e le planimetrie per poter fare correttamente la domanda. Gli avvisi avranno tempistiche leggermente diverse, ma verranno comunicati e promossi insieme per stimolare le proposte del tessuto imprenditoriale, sia locale che no: in particolare, il bando legato alle attività integrative, sarà promosso direttamente dal Consorzio del Mercato in accordo con il Comune di Modena e selezionerà operatori applicando criteri condivisi e approvati dalla Giunta; l’altro bando necessario alla selezione di operatori che si insedieranno nella restante parte del Mercato, sarà promosso dal Comune nel rispetto delle procedure previste dalle normative della Regione Emilia-Romagna con l’obiettivo di giungere alla piena occupazione dei posteggi disponibili in un mercato sempre più amato da modenesi e turisti. In entrambi i bandi verranno premiate le proposte capaci di coniugare innovazione e tradizione, valorizzando le produzioni locali non solo per la vendita ma anche per il consumo sul posto.

A GENNAIO 2018 SI INSTALLA IL NUOVO DEHOR

Dovrebbe essere già fruibile il 31 gennaio per San Geminiano il dehor esterno su una superficie di 36 metri quadrati che va a completare i nuovi allestimenti e arredi legati alla possibilità di consumo sul posto del Mercato Albinelli.

La struttura, che prevede una copertura lunga 12 metri e larga tre formata da tre ombrelloni quadrati di metri tre per tre ciascuno, di colore bordeaux come previsto dal piano coordinato dell’area, si completa con sei tavolini di legno pieghevoli e 24 sedie di legno anch’esse pieghevoli, sul modello di quelle già approvate e in uso per i dehors delle attività su piazza XX settembre e all’interno del mercato coperto.

Il nuovo spazio per il consumo sul posto a disposizione del mercato, dotato anche di quattro “funghi” per il riscaldamento, sarà collocato lungo via Albinelli, sul lato del mercato all’estremo opposto rispetto al dehor già esistente davanti al Bar Schiavoni.

Il costo complessivo totale dell’installazione mobile è di 20 mila 720 euro, Iva al 22% compresa.

Il Consorzio che gestisce lo storico mercato del centro storico ha intanto confermato il calendario di aperture straordinarie per le Festività natalizie. Alle consuete aperture settimanali dal lunedì al venerdì dalle 6.30 alle 14.30 e il sabato dalle 6.30 alle 14.30 e dalle 16.30 alle 19 si aggiungono le aperture di domenica 17 dicembre, dalle 9 alle 15; giovedì 21 dicembre, venerdì 22 dicembre e sabato 23 dicembre dalle 6.30 alle 19 a orario continuato; domenica 24 dicembre, Vigilia di Natale, dalle 6.30 alle 17, orario continuato; sabato 30 dicembre, dalle 6.30 alle 19 a orario continuato; domenica 31 dicembre, ultimo dell’anno, dalle 6.30 alle 15 a orario continuato; venerdì 5 gennaio, dalle 6.30 alle 14.30; sabato 6 gennaio, Epifania, dalle 9 alle 15. Mercoledì 31 gennaio, per San Geminiano patrono di Modena, il Mercato Albinelli sarà aperto dalle 9 alle 15