Home Ceramica La ceramica italiana incontra gli architetti austriaci

La ceramica italiana incontra gli architetti austriaci

Prosegue l’intensa attività di promozione dell’industria ceramica italiana presso il mondo della progettazione internazionale. Il 25 e 27 marzo 2014 sono in programma in Austria due incontri Ceramics of Italy dal titolo “Italian Winter”, rispettivamente a Graz presso il Dom im Berg alle ore 18.30 e a Vienna al Gschwandner sempre alle 18.30.

Le finalità degli incontri – che anticipano Cersaie 2014 – sono informare i progettisti sulle novità del prodotto ceramico italiano; favorire un canale preferenziale tra architetti ed aziende associate, creando networking fra

le aziende e gli architetti presenti attraverso incontri one-to-one; aprire un dibattito con i progettisti sui materiali e le loro applicazioni, individuare i criteri di scelta dei materiali, capire l’incidenza del made in Italy; rendere più familiare il marchio settoriale Ceramics of Italy ed i valori positivi di cui è latore; individuare una ricaduta di queste iniziative e contatti su Cersaie come momento di massima visibilità in un percorso con gli architetti.

Sempre più massiccia e qualificata la presenza delle aziende ceramiche italiane a questi incontri, che raggiungono le 29 presenze. Ciò a riprova dell’efficacia di una formula di partecipazione assai gradita sia ai produttori italiani che agli architetti delle varie città. Per ogni azienda è previsto uno spazio per l’esposizione dei propri campioni limitato alla superficie di un desk e di un supporto per l’eventuale esposizione di un prodotto di grande formato. Le aziende partecipanti sono: Atlas Concorde, Caesar, Casa Dolce Casa, Casalgrande-Padana, Cipa Gres, Cisa, Cooperativa Ceramica d’Imola, Cotto d’Este, Fap, Fincibec, Fioranese, Flaviker, Floor Gres, Fondivalle, Gamma Due, Gigacer, Globo, Keope, Lea, Marazzi, Panaria, Refin, Ricchetti, Sant’Agostino, Serenissima, Settecento-Valtresinaro, Sicis, Supergres e Tagina.

Molto apprezzata anche la formula ormai consolidata che vede la presenza di un keynote speaker italiano che dibatte sul tema di architettura e ceramica. Per queste edizioni, l’architetto Sebastiano Brandolini – docente presso il Politecnico di Zurigo, oggi titolare dello studio di progettazione Brandolini-Gallizia a Milano – sarà il testimonial d’eccezione di Ceramics of Italy. Informali le sedi (architetture industriali rinnovate), così come lo svolgimento degli eventi, che si sviluppano in un flusso continuo di scambi fra aziende e progettisti, nuovi prodotti e cibo all’italiana, in una atmosfera di piacevole e rilassata eleganza all’insegna del Made in Italy. Partner degli eventi l’associazione austriaca dei posatori e dei distributori. Inoltre, parte quest’anno campagna per la promozione del prodotto ceramico in Austria dal titolo “Meine Fliese”. La campagna con la Oesterreichischer Fliesenverband – attiva su stampa, radio, tv, internet e social media – intende sottolineare al consumatore finale ed al progettista austriaci tutti i plus della piastrella di ceramica, a livello estetico, di sostenibilità, di pulibilità. Importante anche l’attività sulla distribuzione ed i punti vendita, dotati di una serie di supporti di merchandising Meine Fliese e Ceramics of Italy.

Gli eventi costituiscono anche un primo accenno per presentare e promuovere i contenuti della 32° edizione di Cersaie, il salone internazionale della ceramica per l’architettura e dell’arredobagno, che quest’anno si svolgerà dal 22 al 26 settembre 2014 (www.cersaie.it) e al quale due fortunati architetti potranno recarsi aggiudicandosi un viaggio premio messo in palio ad ogni roadshow.