Home Economia Oltre cento persone stamani in CNA per il dibattito sulle nuove prospettive...

Oltre cento persone stamani in CNA per il dibattito sulle nuove prospettive dell’automotive

Erano oltre un centinaio, tra imprenditori e studenti dell’Ipsia Ferrari di Maranello e del Corni di Modena, i partecipanti all’iniziativa organizzata da CNA stamani (venerdì 15 novembre) nell’ambito del festival della Cultura Tecnica. Del resto, il tema era di quelli di attualità: “Un mondo che cambia: le nuove prospettive dell’automotive” era il titolo del dibattito, presentato da Stefano Camatti, presidente di CNA Produzione Modena, e dall’Assessore Ludovica Carla Ferrari, e a cui hanno preso parte Orme Corradini (presidente dell’Its Maker), Piergabriele Andreoli (Direttore di Aess) e Filippo Sala, esperto di veicoli a zero emissioni.

“Un futuro – ha raccontato Andreoli – che non è legato tanto a fattori tecnici: il know how necessario per passare all’elettrico è ormai consolidato. Quello che manca è la rete infrastrutturale: se tutti fossimo motorizzati con auto elettriche, ad esempio, non ci sarebbero sufficienti stazioni di ricarica. Dobbiamo maturare la consapevolezza di trasformare l’auto da prodotto a servizio”.

“Per quanto riguarda la tecnologia – ha sottolineato il presidente di Aess – credo che un ruolo molto importante potrà giocarlo l’idrogeno, che può essere immagazzinato e trasportato più facilmente rispetto all’elettricità, conservandone i vantaggi, visto che l’idrogeno non è che un carburante elettrico, peraltro utile anche per fornire energia ad altri usi, ad esempio agli edifici. In tutti i casi non credo che il passaggio all’elettrico avrà un impatto quantitativo sull’occupazione, perché è vero che un motore elettrico è molto più semplice di uno endotermico, ma è altrettanto vero che questo richiede componenti diversi. Servirà, invece, una elevata qualità dei tecnici”.

Ed è proprio questa l’attività di Its Makers, che ha come obiettivo proprio quello di formare tecnici superiori da inserire in numerosi ambiti produttivi, tra i quali appunto l’automotive. “I nostri docenti arrivano per tre quarti dal mondo delle imprese, e questo ci rende in grado di assimilare in fretta i cambiamenti e le richieste del mondo del lavoro, e di trasformare queste ultime in percorsi formativi -racconta il presidente Ormes Corradini – che non sono alternativi, ma complementari all’attività didattica degli istituti scolastici”.

“Scuola che deve per forza aderire ai piani ministeriali, ma che può e deve mantenere corsi facoltativi che nascono dalle relazioni con le imprese e che, malgrado non siano obbligatori, proprio per questo riescono a catturare l’interesse degli studenti, superando lo stereotipo tipico dell’alunno degli istituti tecnici. Lo testimoniano anche i prototipi sviluppati dai nostri ragazzi, come quello che nel 2018 si è aggiudicato l’American Solr Challenge, contest internazionale riservato ai veicoli ad energia solare”, sottolinea Margherita Bazzani, Dirigente Scolastico dell’Istituto tecnico Ferrari.