Home » Economia, Regione » Food Export Managing Controller: successo per il corso a Bologna in Unioncamere

Nella sede di UnionCamere Emilia-Romagna a Bologna si è svolta la seconda edizione del corso per Food Export Managing Controller, una figura professionale a supporto delle aziende che operano nel settore dell’export agroalimentare, in grado di implementare le azioni necessarie per adempiere a tutti i servizi aziendali sui diversi mercati esteri, con riferimento non solo alle specificità del mercato USA, ma ai Paesi Terzi in generale.

Durante il corso si sono alternati relatori di alto livello che hanno affrontato tutte le tematiche e le criticità in cui le aziende possono incorrere nelle attività di esportazione: dalle complessità burocratiche per i Paesi EurAsEC (Russia, Bielorussia, Kazakistan, Armenia, Kirghizistan), alle criticità promozionali che limitano l’espansione commerciale di determinati prodotti, anche DOP e IGP in alcuni Paesi quali USA, Australia e Giappone.

Altro argomenti trattati di particolare interesse: l’utilizzo del Sistema TRACES alla gestione delle certificazioni sanitarie per l’export; le tematiche legate all’etichettatura e alla certificazione legale della stessa, così come le materie afferenti la Food Defence e i diversi ambiti e figure professionali collegate. Si è parlato anche della gestione della logistica, delle spedizioni e per le problematiche doganali dei diversi Paesi, tre relatori hanno affrontato congiuntamente i rischi di blocco alle frontiere e le problematiche legate a costi e gestioni del trasporto e rischio di insolvenza economica.

Il corso ha visto la partecipazione di oltre 30 professionisti delle diverse discipline, provenienti da tutte le regioni italiane. Dato il successo dell’iniziativa ed a fronte del recente trattato di scambio Ue- Giappone, è stata già annunciata una nuova edizione che si svolgerà a Roma nei giorni 10-11-12 giugno, ulteriormente ampliata nei contenuti, con particolare attenzione alle tematiche relative al Food Defence e a tutte le attività e figure professionali connesse, disciplina di cui tutti hanno sentito parlare, ma sottovalutata.
I partecipanti al corso potranno ora iscriversi al Registro Nazionale Ispettori, Professionisti e Operatori della Qualità, istituito a supporto delle aziende per favorire la ricerca di professionisti nei diversi ambiti del food export management.

Nella sede di UnionCamere Emilia-Romagna a Bologna si è svolta la seconda edizione del corso per Food Export Managing Controller, una figura professionale a supporto delle aziende che operano nel settore dell’export agroalimentare, in grado di implementare le azioni necessarie per adempiere a tutti i servizi aziendali sui diversi mercati esteri, con riferimento non solo alle specificità del mercato USA, ma ai Paesi Terzi in generale.

Durante il corso si sono alternati relatori di alto livello che hanno affrontato tutte le tematiche e le criticità in cui le aziende possono incorrere nelle attività di esportazione: dalle complessità burocratiche per i Paesi EurAsEC (Russia, Bielorussia, Kazakistan, Armenia, Kirghizistan), alle criticità promozionali che limitano l’espansione commerciale di determinati prodotti, anche DOP e IGP in alcuni Paesi quali USA, Australia e Giappone.

Altro argomenti trattati di particolare interesse: l’utilizzo del Sistema TRACES alla gestione delle certificazioni sanitarie per l’export; le tematiche legate all’etichettatura e alla certificazione legale della stessa, così come le materie afferenti la Food Defence e i diversi ambiti e figure professionali collegate. Si è parlato anche della gestione della logistica, delle spedizioni e per le problematiche doganali dei diversi Paesi, tre relatori hanno affrontato congiuntamente i rischi di blocco alle frontiere e le problematiche legate a costi e gestioni del trasporto e rischio di insolvenza economica.

Il corso ha visto la partecipazione di oltre 30 professionisti delle diverse discipline, provenienti da tutte le regioni italiane. Dato il successo dell’iniziativa ed a fronte del recente trattato di scambio Ue- Giappone, è stata già annunciata una nuova edizione che si svolgerà a Roma nei giorni 10-11-12 giugno, ulteriormente ampliata nei contenuti, con particolare attenzione alle tematiche relative al Food Defence e a tutte le attività e figure professionali connesse, disciplina di cui tutti hanno sentito parlare, ma sottovalutata.
I partecipanti al corso potranno ora iscriversi al Registro Nazionale Ispettori, Professionisti e Operatori della Qualità, istituito a supporto delle aziende per favorire la ricerca di professionisti nei diversi ambiti del food export management.